LA NOSTRA STORIA

 

1.1         Inizio dell’attività scolastico - educativa: ottobre 1951

L’attuale Istituto “San Giovanni Bosco” via Palmiro Togliatti 167 – Roma – Cinecittà, comprende la Scuola per l’Infanzia, paritaria dal 28/02/2001, e la Scuola Primaria, parificata dal 05/12/2000 e la scuola Secondaria di Primo Grado, paritaria dal 28/02/2001 comincia la sua attività nel lontano ottobre del 1951, in forma del tutto privata, come accoglienza di 40 bambini poveri fra i quattro e i cinque anni, figli per lo più di baraccati o di emigrati in cerca di lavoro: il quartiere “don Bosco” e le zone limitrofe erano allora in fase di sviluppo edilizio e anche la nostra Casa fu costruita e cominciò a funzionare come opera educativa solo quando il terreno diventò proprietà della “Società immobiliare” e fu considerato “area fabbricabile di zona intensiva”. Detta Società immobiliare costruì l’edificio attuale e lo donò alle FMA, salesiane di don Bosco: fu prima Direttrice nella comunità educativa Sr. Nicolina Santarelli.

Da allora l’opera si chiamò “Scuola don Bosco”, sita in Via Publio Valerio, 20.

1.2         Scuola dell’Infanzia: 1951-1958

Per quanto concerne la Scuola Materna, il primo nucleo di 40 bambini, che nell’ottobre del 1951, in modo del tutto informale e privato, segnò l’avvio dell’opera educativa, ebbe subito un notevole sviluppo, fino a contare 350/400 bambini dai tre anni e mezzo ai cinque; anche giuridicamente fu riconosciuta come Scuola Materna autonoma dall’ottobre del 1958 (autorizzata, dipendente dal Circolo didattico 65° “Damiano Chiesa” e successivamente dal Circolo didattico 111° “Margherita Bosco”

All’inizio dal 1951 al 1953, la Scuola ebbe due Sezioni miste, molto numerose, tanto che già dal 1954 fu aggiunta una sezione e negli anni seguenti le sezioni furono cinque e anche sei, a seconda dei bambini iscritti, della disponibilità dei locali e del numero delle maestre, regolarmente diplomate dalla Scuola Magistrale e via via tenutesi aggiornate nella didattica e nella comunicazione sociale con la frequenza ai Corsi proposti dalla  FISM (Federazione Italiana Scuola Materna), dalla FIDAE (Federazione Italiana delle Attività Educative), dalla FIRE (Federazione Italiana Religiose Educatrici), dalla Editrice “La Scuola” di Brescia, ecc., su argomenti attinenti l’educazione dei bambini, il rapporto con le famiglie, i percorsi educativo-didattici…

1.3         Rinnovo locali e attrezzature

Anche i locali e le attrezzature delle 5/6 aule, nonché i servizi e gli ambienti frequentati dal bambini, vengono rinnovati e resi più idonei ad accoglierli nel loro percorso educativo-culturale adatto alla loro età.

L’ampio cortile, con spazi liberi e giochi, è stato ed è luogo di incontro non solo per le ricreazioni, ma anche per giochi istruttivi all’aperto. Si sente però la necessità urgente per l’inverno e per i giorni di pioggia, di un ambiente idoneo, spazioso ed accogliente, al coperto. Finalmente nel maggio del 1980, si può inaugurare la “sala giochi”, che offre la possibilità di svariati incontri , anche quotidiani, dei bambini e delle loro famiglie.

1.4         Autonomia e Parità Scuola dell’Infanzia

Attraverso il normale “iter” giuridico-scolastico la Scuola Materna viene dichiarata autonoma, con protocollo 7/A in data 29 settembre del 1959 ed infine ottiene il riconoscimento di “Scuola dell’Infanzia” Paritaria con DM del 28/02/2001, Prot. N.488/1582.

 

1.5         Inizio e sviluppo Scuola Elementare (1951-1959)

La storia della Scuola Elementare è più articolata e complessa. Nell’anno scolastico 1951/1952 funziona, in forma del tutto privata, una prima elementare mista frequentata da 45 alunni, che a fine anno sostengono l’esame di ammissione alla seconda elementare insieme agli alunni della Scuola Elementare regolarmente autorizzata “Madre Mazzarello”, con sede in Piazza S. Maria Ausiliatrice, 60, al Tuscolano, Scuola dipendente dal Circolo didattico 27° “Giovanni Cagliero”.

Gli esami si svolgono ai primi di giugno del 1953, presieduti dal prof. Casale.

Aumento classi scuola Elementare e doposcuola

Nel successivo anno scolastico 1953/1954 funzionano presso la nostra Scuola una prima elementare di 70 alunni; frequentanti la Scuola, a causa del loro numero elevato, in due turni: uno al mattino e uno al pomeriggio, con alternanza di doposcuola; c’è inoltre una sezione di seconda elementare con 30 alunni. Per entrambi le classi funziona il servizio mensa e il doposcuola fino alle ore 16,30, aperto anche ad alunni provenienti da altre Scuole Elementari del territorio in numero di 166.

A fine giugno del 1953, dietro richiesta della nostra Direzione al Circolo didattico “Damiano Chiesa” al Quadraro, per avere la Commissione di esame interno, dato il numero rilevante degli alunni, si effettuano gli esami per l’ammissione rispettivamente alla seconda e alla terza Elementare. Firma le pagelle, in data 12 giugno 1953, l’Ispettore prof. Francesco Colucci.

Nei successivi anni scolastici 1953/1954 (n. 4 classi di I, II, III ), 1954/1955 (n. 7 classi di I, II, III, IV) e 1955/1956 ( n. 12 classi di I, II,III, IV e V). Tanto le regolari lezioni, quanto gli esami finali di passaggio, si tengono nella nostra Scuola “San Giovanni Bosco”, presieduti rispettivamente dalla prof. Maria Castelli e dal prof. Giuseppe Mataloni. Gli alunni di V elementare nel giugno del 1956 sostengono gli esami di Ammissione alla Scuola Media presso la Scuola “Damiano Chiesa”.

Nel settembre del 1956, sia per il notevole numero delle classi, sia per la situazione edilizia di una parte del nuovo grande edificio che stava sorgendo in Via Subaugusta, le 12 classi della Scuola Elementare “San Giovanni Bosco”, si trasferiscono in un piano dell’ala destra del nuovo fabbricato, con ingresso in Via Subaugusta, 161.

Quindi dall’anno scolastico 1956/1957 a quello del 1958/1059 la Scuola Elementare continua a funzionare, sempre con direzione e personale docente e ausiliario della Scuola “San Giovanni Bosco”, di Piazza dei Decemviri, 6.

1.6         Passaggio Scuola Elementare all’Istituto Femminile “San G. Bosco” (1959-1991)

Nell’anno scolastico 1959/1960, ultimati i lavori edilizi e di arredamento dell’Istituto Femminile “San Giovanni Bosco” di Via Subaugusta, la Scuola Elementare passa come Direzione e con il personale docente e ausiliario, a detto Istituto, che avrà la sua autonomia scolastica anche con la Scuola Media legalmente riconosciuta e i Corsi Professionali. Resta a Piazza dei Decemviri, 6 solo la Scuola Materna nel suo pieno sviluppo.

1.7         Rientro Scuola Elementare “San G. Bosco” e Parità scolastica (1991-2000)

 Ma nell’anno scolastico 1991/1992, per motivi di ridimensionamento nell’Istituto Femminile “San Giovanni Bosco, di Via Palmiro Togliatti (già Via Subaugusta), la Scuola Elementare, funzionante in doppia sezione delle cinque classi, torna giuridicamente sotto la Scuola “san Giovanni Bosco” di Piazza dei Decemviri, 6, dove prosegue il suo iter didattico-formativo, ma anche giuridico, verso la parità scolastico, ottenuta con DM n.5632 del 5/12/2000.

1.8         Unificazione dell’istituto “San G. Bosco” (2012)

Per decisione delle Superiore e del Consiglio Ispettoriale, la scuola ha avviato, nell’anno 2011,  il processo di verticalizzazione delle opere con l’unificazione delle due comunità di Piazza dei Decemviri e del viale P. Togliatti. Con la chiusura del Liceo nel 2010 vengono ristrutturati e rinnovati i locali di viale Palmiro Togliatti e, nel settembre 2011, vi ritorna la scuola Primaria seguita, nel settembre  2012, dalla scuola dell’Infanzia.